Costo site web

Proviamo a indovinare: 100€? 500€? O forse 5000€? Il problema è che la domanda è troppo generica. Anche noi ci siamo fatti la stessa domanda tante volte e la risposta è: tutti e tre.

Chiedere quanto costa un sito è un po’ come chiedere quanto costa una macchina. La risposta varia molto anche a seconda della persona a cui chiedi. Dipende molto anche da quanto questa persona se ne intenda.

Ma oggi è il tuo giorno fortunato, di certo qui a WebsiteToolTester ce ne intendiamo parecchio di siti internet. Ne gestiamo personalmente parecchi e per più di 10 anni abbiamo aiutato tante persone a creare il proprio sito internet.

In questo articolo analizzeremo uno ad uno tutti i costi associati con la creazione e la manutenzione di un sito web. Sarai in grado di decidere se vale la pena farlo da te o se invece è necessario assumere uno sviluppatore web o usare un creatore di siti.

Lo so che vorresti sapere subito qual è il costo di un sito web, ma ti consiglio caldamente di leggere tutti i concetti elencati di seguito per capire esattamente quale sia l’intervallo di prezzi che si riferisce alla tua situazione.

Guida Passo a Passo per Capire Tutti i Costi di un Sito Internet

In questa prima sezione illustreremo le spese più essenziali per creare un sito web e le diverse opzioni a disposizione per farlo.

Passo #1 Perché i Siti Web Costano Soldi

Ok, stiamo cominciando proprio dal basso. Ci sono 4 cose di cui un sito ha assolutamente bisogno per esistere:

  • Codice: Non importa se decidi di comprare un sito da un developer o se vuoi usare un programma che ti assista nella sua creazione: un sito è fatto di linee di codice. I linguaggi di cui sono fatti i siti includono, tra gli altri, HTML e CSS, JavaScript o Python. Messi insieme fanno il lavoro di uno sviluppatore web.
  • Tempo: per scrivere un codice possono volerci ore o mesi. Ciò dipende molto dal design del sito (per es. dove si trovano i menù, quali colori scegliere, ecc.) e dalla sua complessità (ne parleremo più avanti). C’è poi da considerare il tempo dedicato alla creazione e all’aggiornamento dei contenuti, alla correzione di bug e problemi di sicurezza.
  • Hosting: il tuo codice (sito) vive da qualche parte nel web cosicché altre persone possano trovarlo e navigarci. Si troverà su dei server, che sono essenzialmente dei dischi fissi che un’azienda ti fornisce sotto pagamento di una tariffa mensile o annuale. È un po’ come affittare uno spazio per la tua proprietà online.
  • Nome del dominio: ora che il tuo sito ha un suo spazio online, ha bisogno di una porta affinché le persone possano accedervi. Questo è il dominio, o l’indirizzo da digitare per accedere al sito, come ilnomedeltuosito.com. Alcuni domini hanno più valore di altri. Cars.com è stato venduto per l’incredibile somma di 872M$ (in inglese). Alcuni servizi di hosting web ti assegnano generosamente un sottodominio gratis di questo tipo www.webhost.com/iltuosito.

La prima cosa da decidere subito e tenere in considerazione è quanto tempo vuoi dedicare regolarmente al tuo sito. Dare un valore al tuo tempo ti aiuterà moltissimo ad attribuire un costo al tuo sito.

Consiglio dell’esperto: dal momento che prima o poi dovrai pagare per un dominio, controlla da subito la disponibilità delle varie opzioni (un buon sito per farlo è Namecheap). Il numero di business che hanno dovuto cambiare il proprio nome a causa di un dominio troppo caro o non disponibile è sorprendente. Quindi non dimenticare di giocare con le estensioni più strane e meno usate. Queste possono essere più economiche, ed una maniera simpatica di rendere il nome del tuo sito più memorabile. Per esempio, se SellingShoes.com non fosse disponibile, potresti provare con SellinSho.es ad un prezzo molto inferiore.

Passo #2 Considera la Relazione Codice/Tempo

Ora sai che per avere un sito c’è bisogno di un codice e che questo richiede tempo e denaro. A questo punto ci troviamo davanti a un bivio: la prima di una serie di importanti decisioni da prendere è se vuoi creare e mantenere il sito da te o assumere un developer che lo faccia al posto tuo.

In generale, ci sono tre strade principali tra cui scegliere:

  • Fai da te – Voglio imparare a programmare tutto da solo: Benissimo! Avrai un controllo completo sull’aspetto e sulle funzionalità del tuo sito. Ci vorrà molto tempo e dovrai farlo tutto solo (non è previsto un servizio di supporto tecnico), ma potrebbe risultare più economico a lungo termine.
  • Assumere uno sviluppatore – Non voglio avere niente a che fare con codice e design: Dovrai assumere un developer che ti aiuti a progettare e impostare il tuo sito. Non si tratta necessariamente della soluzione più rapida, ma si tratta senza dubbio di una maniera per avere un controllo assoluto sull’aspetto e sulle funzionalità del sito. Si tratta anche di molto dell’opzione più cara.
  • Creatore di siti – Non voglio scrivere il codice, ma non mi dispiacerebbe imparare a creare un sito da me: I creatori di siti hanno a loro favore un buon equilibrio tra tempo, soldi e impegno. Il codice è già lì. Tutto ciò che devi fare è personalizzare il design ed il contenuto del sito. Ovviamente anche i creatori di siti prevedono una serie di prezzi e pacchetti che analizzeremo più avanti.

La buona notizia è che se hai deciso di imparare a programmare, esistono milioni di eccellenti corsi online, e molti di questi sono gratuiti. Prima di cominciare però ti raccomando di scegliere bene quale linguaggio ha più senso imparare nel tuo caso visto che alcuni linguaggi che all’improvviso vanno di moda diventano presto obsoleti (ti ricordi di Flash?) ed altri possono tornare utili per creare altre cose come app o giochi, per esempio.

Se vuoi assumere un developer, è sempre utile avere un’idea chiara circa l’aspetto che vuoi che il sito abbia prima di cominciare. Il programmatore non sa leggere il pensiero quindi passa un po’ di tempo a cercare degli esempi concreti di siti simili a quello che vorresti.

Infine, nota che idealmente la struttura di un sito dovrebbe essere creata da un designer professionista visto che spesso le cose possono andare storte quando un programmatore si cimenta nel web design. E sì, proprio come pensi, ciò implica una spesa aggiuntiva.

Consiglio dell’esperto: Prima di cominciare conviene avere un’idea chiara dei risultati che vuoi ottenere. Stila una breve lista dei siti che più assomigliano a ciò che hai in mente per il tuo sito. Avere davanti degli esempi concreti rende il processo di design molto più rapido, sia che lo faccia tu stesso con un creatore di siti, sia che se ne prenda cura un designer/developer.

Passo #3 Valuta la Complessità del Tuo Sito

La strada che deciderai di intraprendere dovrebbe essere completamente influenzata dal tipo di sito che vuoi creare. Questo può essere quanto più semplice o quanto più complesso vorrai. Ecco quattro concetti che credo ti aiuteranno a stimare quanto tempo, impegno e denaro saranno necessari per l’implementazione di ciascuno di questi:

  • Funzionalità: Ovvero ciò che fa il sito. Come minimo ti mostra testo e link cliccabili che ti portano su altre pagine (per es. un sito portfolio per un traduttore). Questo è sufficiente in molti casi e molto semplice da fare. Dall’altra parte del sito potrebbe esserci un’intera web application come un comparatore di voli che usa API e un sacco di complessi strumenti interattivi.
  • Contenuti: Anche qui, il tuo sito potrebbe mostrare solo qualche frase su tua madre ed il suo negozio. Oppure può trattarsi di un’esperienza multimediale con video, audio in streaming e strumenti di realtà aumentata. Perché no?
  • Design: Se lo vorrai, persino una pagina semplice che contiene solo del testo può essere estremamente ricercata. Puoi avere font personalizzati. Puoi avere una bellissima schermata di caricamento. Puoi avere un menu animato. Ti sorprenderà scoprire quanto possa essere difficile programmare un sito che sembra minimalista, semplice e bellissimo.
  • Profondità: ovvero livelli di navigazione. In poche parole, a un sito semplice basterà una sola landing page su un URL primario. Un sito complesso ha bisogno di multipli sottodomini per strutturare ed organizzare tutti i contenuti.

Site web difficoltaSolo perché un sito sembra semplice non vuol dire che fosse veloce o economico da creare. Per esempio, Wikipedia.org non ha un design ricercato. Ma il suo contenuto è così vasto e la profondità dei livelli così grande che mantenerlo costa milioni di dollari.

Anche un sito come isitmonday.today a prima vista sembra molto semplice. Non ha contenuti né design incredibili ma contiene uno script intelligente che controlla la data, quindi sicuramente c’è stato bisogno di modificare il codice.

Ecco un altro buon esempio, il sito di Secondamano. Design essenziale, testo semplice e immagini. Ma… Gli utenti possono accedere e pubblicare degli annunci direttamente sul forum, cosa non semplice da programmare.

Adesso, per fare un esempio opposto, dai un’occhiata al sito Barbershop creato con Wix. Contiene un plugin per il feed di Instagram, integrazioni di video (su Youtube), un modulo per la prenotazione online e persino una piccola sezione del negozio online. Se avessero deciso di creare un sito come questo qualche anno fa pagando un developer, avrebbero speso tra i 5 ed i 10 mila Euro. Oggi credo usino il pacchetto Business Unlimited, pagando circa 25 € al mese. L’hosting è incluso, il dominio costa circa 15€ all’anno dopo il primo anno.

Consiglio dell’esperto: la complessità di un sito di solito è un compromesso tra funzionalità e user experience. L’obiettivo è quello di facilitare quanto più è possibile l’utente nella ricerca e nell’uso delle varie informazioni e funzioni del tuo sito. Quindi se puoi scegliere tra varie opzioni, deciditi per quella più semplice. Esiste tuttavia un’eccezione qualora diversi URL fossero necessari per uso di specifiche keyword per la SEO (ne parleremo più avanti).

Passo #4 Comprendi i Prezzi dei Web Developer

Gli sviluppatori web, sia che lavorino da freelance o come parte di un’agenzia, possono fornirti preventivi molto diversi.

webdev job pricing 2

Questi possono essere assunti:

  • Fatturando ad ore: in questo caso puoi monitorare quanto lavoro svolgono. È conveniente quando si tratta di effettuare aggiornamenti o modifiche al tuo sito nel tempo. I prezzi oscillano dei 10 ai 200€ l’ora, a seconda delle loro competenze ed esperienza. Per creare un sito potrebbero volerci dalle 50 alla 300 ore a seconda della sua complessità.
  • A contratto: in questo caso vengono assunti per la creazione del sito completo. Diciamo che potrebbe costare tra i 1000 e i 3000€. Devi assicurarti che tu sia il proprietario del codice sorgente se vuoi applicare dei cambiamenti in futuro. Inoltre prova ad includere diverse revisioni nel prezzo qualora qualcosa dovesse andare storto.

Ecco un esempio di tabella di marcia per lo sviluppo web di un sito personalizzato:

  • Pre-pianificazione: diciamo 2 giorni lavorativi (16 ore). Il developer raccoglierà tutte le informazioni circa i tuoi bisogni e discuterà con te diverse idee.
  • Raccolta di risorse: ricerca degli strumenti giusti ed esempi a cui ispirarsi per cominciare. Forse 3 giorni (24 ore).
  • Creazione vera e propria: per un piccolo progetto diciamo una persona a tempo pieno per una settimana (40 ore).
  • Test: 2 o 3 giorni per essere sicuri che tutto funzioni come si deve (16-24 ore).

Questo per quanto riguarda un sito di medie dimensioni e non troppo complesso.

Quindi può essere molto costoso. Ma puoi anche chiedere in giro per vedere se qualcuno ti può aiutare. Assicurati solo di non fidarti ciecamente di chiunque. Non sarebbe la prima volta che darsi una mano tra amici e parenti finisce in un gran litigio.

Piattaforme per freelance: per esperienza diretta, il modo più conveniente è quello di annunciare il tuo progetto su un portale come Freelancer. Semplicemente descrivi il lavoro che vuoi commissionare e riceverai un preventivo senza compromessi da un web designer. Queste piattaforme sono molto selettive con i propri developer quindi puoi aspettarti delle offerte serie.

Esistono altri portali per freelancer come Upwork (in inglese). Tutto ciò che devi fare è pubblicare il tuo progetto ed aspettare preventivi da tutto il mondo. C’è anche Twago, la piattaforma per lavori freelance più grande d’Europe, e 99Designs o Dribble, più indicate se cerchi un designer (in inglese). In questo caso tieni conto che dovrai investire un po’ di tempo per gestire le varie offerte e preventivi dal momento che potresti riceverne molti.

Consiglio dell’esperto: Come per ogni tipo di lavoro, dedicare un po’ di tempo a conoscere il tuo professionista ti sarà di grande aiuto. Quindi dai uno sguardo al portfolio e alle referenze, chiedi almeno 3 preventivi, controlla le loro valutazioni (se disponibili) e prova a conoscerlo di persona (o parlaci al telefono o su Skype) per verificare disponibilità, tempistica e che non ci siano problemi di comunicazione.

Passo #5 Confronta Diverse Opzioni di Creatori di Siti

Se hai deciso di scrivere il codice da te o di assumere un developer, puoi saltare questo passo. Ma per chi fosse interessato alla soluzione fai da te più semplice, i creatori di siti sono uno strumento fantastico che offre due opzioni:

  • Creatori di Siti Standard: Strumento tutto in uno che ti permette di progettare e modificare il sito tranquillamente da solo. Di solito ha una funzionalità di tipo drag&drop che ti permette di posizionare con facilità i vari elementi all’interno della pagina. Poi c’è un portale online dove accedere per aggiungere i contenuti manualmente. Funziona benissimo per blog, siti professionali e negozi online.

wix website editor 2

Backend di Wix

  • Content Management System (CMS): Citerò solo il più popolare di tutti, WordPress.org. È come un creatore di siti, ma ti permette anche di accedere al codice sorgente per modificare da te il template ed i plugin qualora fosse necessario. Come per un creatore di siti, avrai bisogno di accedere  al sito per aggiungere i tuoi contenuti dal pannello di controllo, che ha questo aspetto:

wordpress backend 2

Backend di WordPress

Sebbene ci sia un po’ di sovrapposizione tra i due, il punto è che i creatori di siti sono più facili da usare, ma anche più limitati. I sistemi CMS possono essere estremamente potenti ma implicano anche una certa curva di apprendimento.

Consiglio dell’esperto: Questo intero sito si dedica ad aiutarti a trovare il miglior creatore di siti. Quindi se hai deciso di intraprendere questa strada, usa il nostro comparatore di prezzi, leggi le nostre approfondite recensioni e guarda i nostri video per capire quale creatore di siti fa per te!

Ultime Considerazioni Sul Costo di un Sito Web

Prima di concludere, vorrei fornire alcuni esempi finali di quanto costa e quanto tempo ci vuole per creare quattro diversi tipi di siti internet:

  Blog semplice Piccolo sito per business Piccolo negozio online Web app complessa
Wix.com

$0 con pubblicità – $14  al mese senza pubblicità

15€ all’anno per il dominio

60€ all’anno per caselle email professionali

2-6 ore per l’impostazione

2 ore per post

$14  al mese

14€ all’anno per il dominio

60€ all’anno per caselle email professionali

6-12 ore per l’impostazione

12-30 ore al mese per aggiornamenti

$23 al mese

14€ all’anno per il dominio

60€ all’anno per caselle email professionali

6-12 ore per l’impostazione

30-90 ore al mese per la gestione

N/A

Installando WordPress sul tuo dominio

70-140€ all’anno per l’hosting

14€ all’anno per il dominio

60€ all’anno per caselle email professionali

1-3 giorni per cominciare

2 ore per post

70-140€ all’anno per l’hosting

14€ all’anno per il dominio

60€ all’anno per caselle email professionali

Tema a pagamento: 60-200€ una tantum

2-7 giorni per l’impostazione

12-30 ore al mese per aggiornamenti

100-250€ all’anno per l’hosting

14€ all’anno per il dominio

60€ all’anno per caselle email professionali

10€ all’anno per il sistema di sicurezza SSL (per i pagamenti)

Plugin WooCommerce: 0-180€ a seconda delle funzionalità

2-7 giorni per l’impostazione

30-90 ore al mese per la gestione

100-250€ all’anno per l’hosting

14€ all’anno per il dominio

60€ all’anno per caselle email professionali

Tema a pagamento: 60-200€ una tantum

Plugin a pagamento: 200-1000€ una tantum

7-14 giorni per l’impostazione

0-90 ore al mese per la gestione

Sviluppo personalizzato

500-1000€ pagamento iniziale

70-140€ all’anno per l’hosting

14€ all’anno per il dominio

2-7 giorni per l’impostazione

2-4 ore per post se non puoi caricarlo da te

1000-3000€ pagamento iniziale

70-140€ all’anno per l’hosting

14€ all’anno per il dominio

2-7 giorni per l’impostazione

12-30 ore al mese per aggiornamenti

1000-5000€ pagamento iniziale

70-140€ all’anno per l’hosting

14€ all’anno per il dominio

7-14 giorni per l’impostazione

30-90 ore al mese per la gestione

3000-5000€ pagamento iniziale

70-140€ all’anno per l’hosting

14€ all’anno per il dominio

14-30 giorni per l’impostazione

0-90 ore al mese per la gestione

Come puoi vedere, siamo tornati al concetto iniziale che il costo di sito web può variare enormemente. Semmai, il concetto è ancora più vasto poiché abbiamo visto che è possibile spendere 0€ ma che non esiste un tetto massimo.

Ma se c’è una cosa che deve rimanerti di questo lungo articolo, è che sebbene i costi di un sito web possano variare, questi non dovrebbero essere difficili da capire.

Spero che questa guida ti aiuti a decidere quanto ha senso spendere e cosa aspettarti in cambio!

Commento

Torna sopra