creare un blog gratis

Contagiato dalla febbre del blogger? Sei pronto a ripulire quella bozza e cliccare su ‘pubblica’? Benissimo! Ma quale piattaforma ti offre le prestazioni migliori volendolo fare gratis?

Come potrai immaginare, esistono moltissimi creatori di blog gratuiti online, ma non sono tutti uguali. Il migliore? Dipende da quali sono le tue necessità:

  • Vuoi raggiungere il grande pubblico?
  • O unirti a una community di persone che la pensano come te?
  • Vuoi che le tue parole siano ben incorniciate?
  • Vuoi guadagnarci qualcosa?
  • Hai bisogno di un sistema multilingue?

Non ti preoccupare, in questo articolo troverai una buona risposta ad ogni domanda. Prima però vediamo come cominciare.

Piattaforme per Blog: Come Creare Un Blog Gratis?

Si comincia registrandosi. In genere funziona così:

  1. Ti registri su una piattaforma (in genere basta fornire un indirizzo email)
  2. Scegli uno username
  3. Scegli un template per il blog
  4. Crei un nuovo post
  5. Lo personalizzi (aggiungi link, grassetto, immagini, ecc…)
  6. Clicchi su Pubblica.

Fatto! In genere questi sono i principali passi da seguire per le piattaforme analizzate in quest’articolo.

10 Creatori di Blog Gratis: Pro e Contro

Wix: Il Papà dei Creatori di Siti

wix creare blog gratuito

Wix è il creatore di siti più usato, più famoso e più raccomandato. E non possiamo che essere d’accordo. È davvero difficile resistere al suo pacchetto gratuito, sia che tu voglia creare un sito che il tuo primo blog gratis.

Alcune funzionalità del blog non sono incluse nella versione gratuita rispetto ai pacchetti a pagamento. Vediamo cosa offre a 0€ al mese:

Pro del blog gratuito di Wix:

  • Fantastica selezione di template
  • Perfetto per blog fotografici e d’impatto visivo
  • Accesso gratuito alla libreria di immagini
  • Pieno accesso all’app store del miglior creatore di siti sul mercato
  • Funzioni di base per email marketing e gestione di social media
  • Opzioni complete per la personalizzazione SEO
  • Accesso all’app di Wix per poter postare / gestire il blog da mobile
  • Supporto in italiano

Limiti del blog gratuito di Wix:

  • Pubblicità statica fastidiosa (terribile su computer, un po’ meglio su mobile)
  • 500MB di spazio web
  • Domini lunghi: username.wix.com/nomedelblog
  • I lettori devono registrarsi per poter lasciare un commento

E se volessi passare a premium?

Per poter rimuovere la pubblicità di Wix hai bisogno del pacchetto Combo ($13 al mese). Include il dominio gratis per il primo anno ed uno spazio web di 3GB.

> Provalo gratis

> Leggi la recensione completa

Webnode: Per Bloggers Poliglotti

webnode crea il tuo blog gratis

Webnode è un altro creatore di siti che ti permette anche di aprire un blog. Non ha niente di speciale se non fosse per una gran funzionalità: puoi attivare più di una lingua per il tuo sito e post del blog (ma non con il pacchetto gratuito).

A parte questo, l’editor di tipo drag&drop funziona bene ed i template sono moderni e di tipo responsive. Puoi aggiungere un piccolo negozio online, buono ma non straordinario.

Pro del blog gratuito di Webnode:

  • Template moderni
  • Pubblicità discreta
  • Facile ed intuitivo
  • Supporto in italiano

Limiti del blog gratuito di Webnode:

  • 100MB di spazio web
  • 1GB di larghezza di banda
  • Non ha una sezione per i commenti ai post

E se volessi passare a premium?

Esistono due pacchetti a pagamento (Limited e Mini) che ti permettono di usare il tuo dominio, ma è con il pacchetto Standard a $11.95 al mese che è possibile rimuovere la pubblicità.

> Prova Webnode gratis

> Leggi la recensione completa

Weebly: Flessibilità e Tutte le Funzionalità Gratis

weebly blog gratuito

Weebly non è il creatore di siti più popolare tra i blogger e credo che sia un peccato. Infatti la sua soluzione per il blogging è eccellente ed offre una grandissima flessibilità e capacità di personalizzazione.

Va tenuto presente che nonostante l’interfaccia sia disponibile in italiano, non è lo stesso per il supporto tecnico.

L’URL del tuo blog gratuito avrà questo formato: nomedelblog.weebly.com. Tutti i template hanno un bel look. Avrai accesso all’app market di Weebly, persino con un pacchetto gratuito. A parte questo, ecco alcuni vantaggi di usare Weebly se vuoi creare un blog gratis:.

Pro del blog gratuito di Weebly:

  • Probabilmente uno dei migliori editor drag&drop per blog (potrai aggiungere e spostare facilmente e dove vorrai tutti gli elementi).
  • Temi gratuiti belli e responsive
  • Buone opzioni SEO
  • Opzioni di condivisione sui Social
  • Post programmabili

Limiti del blog gratuito di Weebly:

  • Pubblicità troppo grande e ingombrante
  • 500MB di spazio web
  • Elementi multimediali limitati (non c’è un riproduttore audio o video)
  • Gli utenti non possono registrarsi
  • Non offre supporto in italiano

E se volessi passare a premium?

Con la prima fascia di prezzo è possibile rimuovere quella fastidiosa pubblicità: si tratta del pacchetto Starter a $8 al mese. Include anche un dominio gratuito per il primo anno e protezione SSL.

> Prova Weebly gratis

> Leggi la recensione completa

WordPress.com: Il Colosso dei Blog

wordpress fare un blog gratis

Innanzitutto è bene precisare che esistono WordPress.com e WordPress.org. Può confondere un po’, ma puoi usare questo trucco per differenziarli:

  • Con WordPress.com avrai un sito completo, incluso l’hosting,
  • Con WordPress.org dovrai organizzare l’hosting da te.

In questo articolo parleremo della versione .com. Si tratta di una piattaforma dove potrai scegliere un pacchetto gratuito o a pagamento e aprire un blog WordPress in maniera pressoché istantanea. L’hosting è incluso, il software è preinstallato e non c’è nient’altro da impostare.

Sebbene rispetto al .org sia incredibilmente più semplice per cominciare, il .com presenta alcuni limiti, specialmente se opti per il pacchetto gratuito.

Pro di un blog gratuito su WordPress.com:

  • Buona impaginazione per testo e immagini/video
  • Editor veloce e responsive
  • Temi belli e mobile-friendly
  • Post programmabili
  • Include tra l’altro funzionalità SEO di base, filtri anti-spam, automatizzazione di post sui Social
  • Carica post da app per mobile e computer
  • Grandi funzioni per importare / esportare

Limiti del blog gratuito di WordPress.com:

  • 3GB di spazio web
  • Include pubblicità di WordPress
  • Scelta limitata di template
  • Opzioni di personalizzazione limitate (colori, font, ma non molto di più)
  • Non si possono installare plugin

Come sono i temi gratuiti dei blog di WordPress.com?

Hai a disposizione circa 80 temi gratuiti. Un gran assortimento di template veloci, di bell’aspetto e di tipo responsive. Ma tieni presente che non potrai personalizzarli (con CSS e HTML) a meno che tu non passi a un pacchetto a pagamento. I temi premium non sono inclusi nella versione gratuita.

E se volessi passare a premium?

Il pacchetto Blogger è una buona alternativa e costa 3€ al mese. Ti permette di rimuovere la pubblicità, incrementare lo spazio web a 6GB, include un account email e supporto via live chat. Avrai anche un dominio .blog gratis per il primo anno.

Se vuoi connettere un dominio acquistato altrove, dovrai abbonarti al pacchetto Personal (5€) o Premium (8€) per avere accesso a ulteriori funzionalità.

> Prova WordPress.com gratis

WordPress.org: Estremamente Potente, Ma Complicato

wordpress aprire il tuo blog

Analizziamo adesso la versione WordPress.org che include solo il software. Vale la pena sottolineare che WordPress.org include solo il software dal momento che dovrai provvedere tu stesso a installarlo sul tuo server (servizio di hosting). Ma va anche detto che è open source (gratis) e uno dei più potenti CMS (content management system).

Diversamente dalla versione che include l’hosting, hai accesso a tutte le funzionalità. Grazie al software gratuito potrai aggiungere altrettanto gratuitamente tutti i plugin e template che vorrai. Vediamo insieme quali altri vantaggi offre un blog WordPress gratis:

Pro del software gratuito per blog di WordPress.org:

  • Uno dei più potenti CMS sul mercato
  • Accesso a centinaio di plugin incredibili (gratuiti e a pagamento)
  • Installa il template che vorrai (gratuito o a pagamento)
  • Funzionalità SEO complete
  • Valido per blog di qualsiasi grandezza e complessità
  • Enorme community di utenti WordPress

Limiti del software gratuito per blog di WordPress.org

  • Devi pagare a parte un servizio di hosting (per qualcuno potrebbe essere un vantaggio avere il controllo su questo aspetto)
  • Complesso per principianti
  • Dev’essere aggiornato manualmente (in realtà il più delle volte si tratta di un processo che prevede pochi clic)
  • No esiste un supporto tecnico ufficiale

Dai uno sguardo al tutorial di WordPress su come cominciare

Medium: Una Cornice Minimalista per le Tue Parole

medium free blog maker 2

Fondato nel 2012 da uno dei creatori di Twitter, Medium.com cerca di cambiare il modo di fare blogging. L’obiettivo è quello di avere un luogo che premia i contenuti di qualità. Non c’è pubblicità, ma i lettori sono incoraggiati a pagare un abbonamento. I prezzi degli abbonamenti variano per i blogger in base a certi parametri come il numero di follower, grado di engagement e applausi (l’equivalente di Medium dei “Mi Piace”).

Medium è la soluzione per blog più semplice in assoluto. Il suo look minimalista e senza fronzoli è diventato uno standard di riferimento che ogni blog dovrebbe cercare di imitare. Si concentra sul testo, senza distrazioni o superflui ornamenti. Si vede subito che si tratta di uno strumento pensato dagli amanti della scrittura per gli amanti della lettura.

Medium è anche una community. Con oltre 60 milioni di utenti, i tuoi post troveranno sicuramente un loro pubblico, anche se inizialmente piccolo.

Infine, una puntualizzazione: sebbene da un lato crediamo che Medium sia ottimo per ospitare il tuo blog, di certo non si tratta del miglior creatore di blog. Non hai alcun controllo sul design né altre opzioni di personalizzazione, funzionalità e altri strumenti.

Pro di un account gratuito su Medium:

  • Tipografia bellissima e minimalista
  • (Potenzialmente) sei pagato per scrivere
  • Semplice processo di registrazione e impostazione
  • Senza pubblicità
  • Con una certa reputazione (è usato da giornalisti, imprenditori, politici e scrittori famosi)
  • Puoi ripubblicare i contenuti presi da altri tuoi blog

Contro di un blog gratis su Medium:

  • Nessun controllo sul design
  • Medium cerca continuamente di far scaricare la sua app
  • È difficile farsi raggiungere da traffico organico dei motori di ricerca
  • Non adeguato per blog di fotografia o che vogliono puntare sull’impatto visivo
  • Non fornisce un dominio personale
  • Per specifiche nicchie: non indicato per blogger occasionali
  • Community internazionale (non esclusivamente italiana)

LinkedIn: Un Nuovo Riferimento per Blog di Business

linkedin free blog maker 2

Come probabilmente già sai LinkedIn è famoso per due motivi: è il re degli inviti spam (in inglese), o il social network professionale o d’impresa. Ma è anche, e sempre di più, una piattaforma di tutto rispetto su cui parlare di business, imprenditoria, finanza e molto altro.

È gratuita, semplice da usare e può aiutarti a promuovere il tuo profilo professionale pubblicando i tuoi articoli su temi rilevanti. Un po’ come Medium, è una buona piattaforma per ospitare il tuo blog, ma non un vero e proprio creatore di blog. Non puoi scegliere un template né controllarne il design. Logo, colori e hosting sono di LinkedIn, cosa che rende difficile un futuro passaggio ad un’altra piattaforma.

Pro di un account gratuito su LinkedIn:

  • Perfetto per creare e potenziare le relazioni professionali
  • Piattaforma con una buona reputazione
  • Editor semplice
  • Con un certo pubblico iniziale (i tuoi contatti prima, e potenzialmente altri professionisti)

Contro di un blog gratis su LinkedIn:

  • Indicato solo per articoli di argomenti legati a business e aziende
  • Non puoi usare il tuo dominio, ma puoi richiedere uno specifico indirizzo LinkedIn (in inglese)
  • Non personalizzabile
  • Email marketing aggressivo (per i tuoi contatti)

Jimdo: Piccole Pubblicità, Grandi funzionalità

como fare blog gratis jimdo

Come sottolineato nella nostra recensione completa del suo creatore di siti, basa la forza nella facilità d’uso. Lo stesso vale per il suo blog, anche se non è così completo come quello dei suoi rivali, Wix e Weebly.

Il suo punto forte è appunto l’editor. Incredibilmente intuitivo, facile da usare, perfetto per i principianti che vogliono creare un bel blog.

Pro di un blog gratuito con Jimdo:

  • Pagine e post illimitati
  • Gli si può aggiungere un negozio online (per max 5 prodotti)
  • Solo una piccola pubblicità
  • Offre un’app per pubblicare / modificare il tuo sito da mobile

Limiti del blog gratuito di Jimdo:

  • 500MB di spazio web
  • Scelta limitata di template
  • Opzioni SEO limitate nel pacchetto gratuito

E se volessi passare a premium?

Il più economico è il pacchetto Jimdo Pro a $10 al mese, con il quale puoi rimuovere la pubblicità e collegare il tuo dominio. Se decidi di registrare un dominio con Jimdo, questo è gratuito il primo anno.

> Prova Jimdo gratis

> Leggi la recensione completa

Blogger: Il dinosauro del Blog di Google

blogger fare sito internet

Ho voluto aggiungere Blogger a questa lista perché questo servizio offerto da Google è ancora piuttosto conosciuto. Ma in tutta sincerità, è sempre più difficile raccomandare Blogger a chiunque voglia creare un blog al giorno d’oggi. Ho la sensazione che possa presto raggiungere il cimitero dei prodotti abbandonati o tolti di mezzo da Google.

La ragione? Ha 15 anni e li dimostra tutti. I template si caricano troppo lentamente. Non è stata introdotta alcuna innovazione in anni. Nel 2018 appare un solo post nel suo blog ufficiale.

Eppure esistono alcuni vantaggi nell’usarlo, vediamoli insieme.

Pro di un blog gratuito con Blogger:

  • Completamente gratis e senza pubblicità
  • Spazio web illimitato
  • Analisi di traffico integrate
  • Integrato con altri prodotti di Google (Foto,

Limiti del blog gratuito di Blogger:

  • Backend vetusto
  • A volte lento
  • Scelta limitata di template
  • Poche opzioni di personalizzazione

Tumblr: MicroBlogging e Social Media

tumblr free blog maker 2

Notoriamente, Tumblr fu acquisito da Yahoo per la mastodontica cifra di 1,1 miliardi di dollari nel 2013. Magari conosci già Tumblr grazie ai suoi “chiassosi” utenti. Questa community è particolarmente compatta, coinvolta e spesso portata a trattare dispute di vario tipo.

Ma è proprio questo bacino d’utenza a rappresentare la sua più grande risorsa. Il sito riceve 550 milioni di visitatori al mese e ospita più di 459 milioni di blog. È sviluppato per funzionare come un social network, dove vieni incoraggiato a “ripostare” quanto pubblicato da altri utenti, iscriversi ai loro blog e in generale commentare e condividere i post gli uni degli altri.

Ma come funziona il blog in sé? Come potrai vedere, è piuttosto limitato e di nicchia. Tumblr è il re del microblogging, dove gli utenti si dedicano a scrivere contenuti bravi e di facile condivisione. Inoltre si vede che propende più dal lato dei contenuti più visivi rispetto al semplice testo. Illustratori, graphic designer e fotografi spiccano dalla massa (sebbene la sua popolarità venga sempre più eclissata da Instagram).

Pro del blog gratuito su Tumblr:

  • Completamente gratis e senza pubblicità
  • Interfaccia intuitiva
  • Ha già una community enorme ed attiva
  • Spazio web illimitato
  • Grande gestore di contenuti

Limiti del blog gratuito di Tumblr:

  • 250 post e 75 immagini al giorno (un limite tutto sommato generoso)
  • I file caricati non possono superare i 10MB, o 1MB per file GIF
  • Non indicato per post lunghi
  • Non offre opzioni SEO né analisi del traffico ricevuto
  • Scelta di temi limitata

E se volessi passare a premium?

Puoi collegare gratis il tuo tumblr a un dominio. Esistono temi a pagamento i cui prezzi variano dai 9 ai 49$.

Menzioni d’Onore: Ghost, Postachio, Pen.io e LiveJournal

ghost free blog maker 2

Prima di concludere, ecco altre alternative per creare un blog gratis che vale la pena citare. Ghost è una piattaforma editoriale professionale, fantastica se vuoi aprire una vera e propria testata online. Ma tieni presente che non è disponibile in italiano. Magari un po’ esagerata per un blogger solitario, ma si tratta di uno strumento potente e gratuito. I prezzi dei pacchetti premium partono dai 29$ al mese per un team di 2 persone. Esiste una versione di prova.

postachio free blog maker 2

Postachio è un sito piccolo ma ben fatto che fa parte della famiglia di Evernote. Ti permette di trasformare i tuoi contenuti su Evernote in un semplice post del blog. Puoi collegare il tuo notebook e taggare i contenuti pubblici con #publish. Mancano diverse funzionalità chiave, ma puoi aggiungere i commenti con Disqus, integrare altri contenuti esterni e usare Dropbox per salvare quello che vorrai. Anche questa piattaforma è disponibile solo in inglese.

Pen.io free blog maker 2

Non sono neanche sicuro che Pen.io possa definirsi un creatore di blog, visto che è possibile pubblicare una sola pagina alla volta. Ma è senz’altro uno strumento unico poiché ti permette di cominciare fornendo giunto un nome per il blog e una password. Di certo si tratta del modo più rapido di pubblicare qualcosa su internet. Disponibile solo in inglese.

livejournal free blog maker 2

Ultimo ma non per importanza, LiveJournal, forse la più vecchia piattaforma della lista (lanciata nel 1999!). L’età si nota a livello del backend, ma la sua community è dura a morire ed i suoi utenti la rendono un posto interessante per condividere le tue idee, pensieri e riflessioni.

Un Momento… Ma Perché Sono Gratis?

Bella domanda! Dipende dalla piattaforma, ma in genere è per una di queste tre ragioni:

  • Si basano sul modello cosiddetto Freemium e sperano che successivamente tu passi alla versione a pagamento
  • Vogliono accrescere il bacino di utenti per attirare inserzionisti / azionisti / investitori
  • Mostrano il proprio logo / marchio nei tuoi post come strategia di marketing. In questo modo stai facendo loro pubblicità

Altri Svantaggi?

Purtroppo sì. Proprio a causa del modello freemium, queste piattaforme limitano le funzionalità offerte per incentivare il passaggio a un abbonamento a pagamento. In genere si tratta di:

  • Formati di domini non professionali: l’indirizzo del blog è del tipo www.il-name-del-tuo-blog.piattafoma.com. Il tuo blog ha l’aspetto di non essere ben avviato ma piuttosto provvisorio.
  • Non puoi rimuovere la pubblicità: anche questo sembra indicare bassa qualità anche dei contenuti stessi del blog.
  • Spazio web limitato. Sebbene il testo occupi solo pochi kilobytes, le immagini ed altri contenuti multimediali sono in genere più pesanti.
  • Banda limitata: se ricevi troppe visite presto potresti raggiungere il limite mensile imposto ed il blog verrà messo offline.

Posso Monetizzare Grazie A Un Blog Gratuito?

Nella maggior parte dei casi sì. In genere è possibile attivare un ad network (come AdSense) e pubblicare link di  affiliate marketing, anche usando un pacchetto gratuito.

Tuttavia, esistono delle restrizioni, come con WordPress e Medium. Quest’ultimo ha un sistema di monetizzazione unico di cui parliamo più avanti. Leggi bene la sezione Termini e Condizioni d’Uso di ciascuna piattaforma se vuoi implementare un sistema che ti permetta di monetizzare fin da subito con il tuo blog.

Come La Mettiamo con La SEO?

Se pensi di poter ricevere traffico organico da Google e altri motori di ricerca usando un blog gratuito, buona fortuna! Mentre con un po’ di lavoro e costanza puoi sperare di posizionarti bene usando pacchetto a pagamento, sarà una lotta persa in partenza se opterai per la versione gratuita. Il motivo? Ai motori di ricerca piacciono i domini registrati. Per questo devi essere disposto a pagare, non ci sono alternative.

Esistono poi altri problemi da tenere in considerazione. L’ottimizzazione per motori di ricerca (SEO) iva realizzata seguendo una certa struttura che riguarda il formato della pagina che non tutte le piattaforme offrono (URL della pagina, tag dei titoli, meta description, ecc.)

Come già detto nella nostra recensione dei migliori creatori di siti gratuiti se per te la SEO è una priorità ma hai un budget limitato, scegli un pacchetto a pagamento, per economico che sia, ma non optare per quello gratuito.

Come Creare Un Blog Gratis. Conclusioni.

Possiamo dire che anche in quanto a creatori gratuiti di blog, ce n’è per tutti i gusti. Se dovessi sceglierne uno, direi che Weebly o Webnode sono i migliori per facilità d’uso e funzionalità offerte.

Tuttavia, il più grande ostacolo per i nuovi blogger è rappresentato dalla mancanza di un pubblico. Spesso ti sembrerà di postare a vuoto, ed è il motivo per cui unirti ad una community avviata può dare un grande impulso al tuo blog.  Per questo direi che Medium è probabilmente una buona soluzione, sebbene non si tratti di un creatore di blog propriamente detto.

Ciò nonostante, tutto dipende da cosa stai cercando:

  • Per trovare la miglior combinazione di funzionalità e facilità d’uso scegli Webnode o Wix.
  • Per creare un blog di grande impatto visivo: Wix e Weebly hanno bellissimi template pronti all’uso.
  • Per essere pagato per scrivere: Medium vince in questa categoria.
  • Per guadagnare popolarità e trovare lettori: Medium per blog di nicchia. Tumblr per post di tipo visivo.
  • Il miglior CMS (content management system): WordPress.org è uno strumento incredibile e universalmente diffuso. Inoltre, se lo vorrai potrai esportare il tuo blog e trasferirlo su altre piattaforme.
  • Per attirare traffico organico via SEO: WordPress, Wix e Webnode sono i più indicati.
  • Per usare il tuo blog come strumento di networking: LinkedIn sarà il tuo miglior alleato.
  • Per creare un blog multilingue: Webnode è il migliore (ma non gratis)

E per finire, se oltre al blog vuoi creare un intero sito internet, ricorda che Wix, Weebly e Jimdo non sono le uniche opzioni. Leggi la nostra guida per creare un sito gratis, dal momento che molti creatori di siti ti permettono di aggiungere un blog (seppur semplice) gratis.

Pronto a cominciare? Allora ti consiglio di leggere anche il nostro articolo su come gestire un blog di successo!

Commento

Torna sopra