1
guida wordpress

Va bene, lo ammettiamo, siamo fan sfegatati dei creatori di siti internet come Wix, Jimdo e Weebly. La loro capacità di creare siti web in maniera semplice ha permesso a milioni di utenti di trasformarsi in veri e propri webmaster. Tuttavia esistono situazioni in cui suddetti strumenti non rappresentano la scelta migliore.

Usiamo WordPress.org quotidianamente. In questa guida ti vogliamo mostrare quando ha senso usare WordPress e quando no.

WordPress.org: Quando è necessario qualcosa di più di una piattaforma di creazione web.

La differenza principale tra creare un sito internet con WordPress.org e crearlo utilizzando un creatore di siti, come Weebly o Jimdo, sta nel livello di complessità. Se usi un creatore di siti, difficilmente dovrai occuparti di complicati aspetti tecnici, ma se vuoi gestire il tuo sito con WordPress.org, sarà il caso che cominci a imparare qualcosa circa la sua componente tecnica.

Un vantaggio straordinario di WordPress è la sua capacità di espansione: una volta ottenuto il sito sulla piattaforma potrai ampliarlo a piacimento, praticamente senza alcun limite. Ecco alcuni esempi reali di situazioni che richiedono l’uso di WordPress:

  • Hai un’agenzia immobiliare e vuoi offrire ai tuoi potenziali clienti un database per cercare degli immobili.
  • Vuoi offrire un’area per utenti registrati e con la possibilità di effettuare pagamenti online.
  • Vuoi un sito internet con un design eccezionale, capace di supportare le applicazioni più innovative ma senza perdere la flessibilità necessaria per adattare il codice.
  • La concorrenza è forte e hai bisogno di caratteristiche SEO (ottimizzazione per i motori di ricerca) specifiche.
    La flessibilità e l’integrazione dei dati sono argomenti forti per cui è il caso di prendere in considerazione la possibilità di usare WordPress.org.

Nota: Questa guida WordPress si occupa solo della versione open source, WordPress.org. Non recensiremo WordPress.com, che è più facile da usare. WordPress.com ha caratteristiche più limitate ed è usato quasi esclusivamente per piccoli blog, mentre WordPress.org è adatto a qualsiasi tipo di sito web.

Vantaggi e Svantaggi di WordPress (rispetto ai creatori di siti)

Pros Contro
Gratis: Il software è completamente gratis. Bisogna comunque pagare per l’hosting ed i template a pagamento. Installazione: A meno che tu non abbia già scelto un servizio di hosting che offra il processo di installazione “con un click”, l’installazione e configurazione di WordPress implica un certo livello di complessità, per cui è necessario avere delle conoscenze tecniche minime (FTP, MySQL, ecc.).
Gran flessibilità, a prova di cambiamenti futuri: Al contrario dei creatori di siti, puoi modificare a piacimento il codice del tuo sito. Inoltre, WordPress è in assoluto il più grande sistema di gestione dei contenuti (CMS) del mondo, per cui dubitiamo che possa sparire dalla sera alla mattina. Manutenzione e sicurezza: Uno dei più grandi punti deboli di WordPress è il bisogno di aggiornare il suo software periodicamente per proteggere il sito da attacchi esterni. Il procedimento in sé è semplice (un click), ma i plugin individuali possono causare problemi che, a loro volta, nel peggiore dei casi, potrebbero causare il collasso dell’intero sito. Un problema come questo potrebbe essere difficile da risolvere se non possiedi adeguate conoscenze tecniche.
Puoi scegliere l’hosting: Potrai trasferire il sito creato con WordPress da un hosting all’altro, tant’è che molti dei fornitori di questo servizio sono già ottimizzati per WordPress. Senza assistenza tecnica diretta: Nonostante esistano molteplici forum di aiuto, non bisogna dimenticare che i loro utenti sono volontari, per cui non bisogna dare per scontato che questi siano in grado di darti la risposta che stai cercando.
Template: Difficilmente potrai trovare una collezione di template più vasta di quella offerta per WordPress. Siti come Themeforest e Templatemonster offrono un sacco di liste di template pronti all’uso. Non offre WYSIWYG: Quando inserisci il contenuto non vedi il risultato nella pagina in tempo reale ma il contenuto si aggiunge a un’interfaccia astratta. I creatori di siti, invece, possono offrire la funzione WYSIWYG (acronimo inglese che parafrasato significa “quello che si vede sull’editor è quello che si vedrà sul browser”).
Plugin: Esistono plugin per ogni necessità, dalle funzioni di eCommerce alle pagine per membri registrati, siti multilingue, sistemi di gestione delle prenotazioni, ecc.
Community: Se è vero che con WordPress non troverai un’assistenza professionale diretta come per un creatore di siti, è altrettanto vero che esistono migliaia di programmatori specializzati in questo gestore di contenuti.

Come si installa WordPress e dove procurarsi un dominio?

In sostanza, lo puoi installare in qualsiasi servizio di hosting che offre linguaggi PHP e MySQL. È più facile se il tuo hosting (spazio web) è ottimizzato per WordPress. I piani più economici di solito costano circa 5€, più o meno lo stesso prezzo di una qualsiasi piattaforma di creazione web standard. A volte si include anche un dominio e gli indirizzi e-mail.

L’hosting di WordPress su SiteGround per progetti importanti

siteground

Da qualche mese stiamo provando l’hosting di SiteGround e siamo soddisfatti dei risultati. Non importa che il tuo sito WordPress sia grande, medio o piccolo, perché i vari pacchetti si adattano a tutte le necessità. Per 8 € al mese avrai supporto 24 ore su 24, 10 GB di spazio web e dominio incluso nel prezzo. Ma se il tuo sito crescesse e avessi bisogno di opzioni avanzate come aree di staging o repository Git potrai passare ad un pacchetto superiore in qualsiasi momento.

Pro di SiteGround Contro di SiteGround
Supporto: Quello di SiteGround è uno dei migliori servizi di assistenza che abbia mai provato. Sono veloci e disponibili 24h su 24. Inoltre, la possibilità di contattarli via live chat rende tutto più semplice. Localizzazione dei server: I server si trovano in Europa (Londra ed Amsterdam), ma non in Italia.
Backup: SiteGround crea regolarmente copie di sicurezza per poter recuperare il tuo sito se qualcosa andasse storto. Prezzo: I prezzi sono adeguati al tipo di servizio offerto, ma non sono per tutte le tasche. Dai uno sguardo a One.com per trovare alternative più economiche.
Sicurezza: Effettuano scansioni per malware quotidianamente, ed isolano tutti gli account per evitare che un attacco su un altro sito colpisca anche il tuo.
Velocità: SiteGround offre una delle migliori velocità del mercato. La combinazione di dischi SSD ed un sistema di cache più efficiente velocizza il tuo sito.

> Puoi provare l’hosting di WordPress su SiteGround gratis per 30 giorni.

L’alternativa economica di One.com

L’alternativa economica di One.com
One.com è uno dei più popolari fornitori di hosting in Europa. Prevede un sistema d’installazione WordPress “one click” e il pacchetto base costa 1,50€ al mese. Non solo, il primo anno è gratis. Dovrai pagare soltanto il dominio, circa 12€ annuali. Indubbiamente One.com offre un pacchetto molto economico ma ha anche alcuni limiti da tenere in conto. Se il tuo sito riceve molte visite per esempio, potrebbero prodursi alcuni problemi di velocità di carica del sito stesso.

> Prova l’Hosting di One.com

Dove trovare buoni template per WordPress?

Uno dei grandi vantaggi di WordPress è quello di poter contare con una grandissima varietà di template concepiti esclusivamente per questo programma e a prezzi davvero accessibili. Consigliamo vivamente di non correre rischi inutili e quindi di non usare i template gratuiti disponibili su Internet: in alcuni casi infatti i loro designer utilizzano tattiche SEO che prevedono l’uso di link che rimandano a siti poco affidabili.

I template a pagamento non sono cari e si possono acquistare su piattaforme come Themeforest o TemplateMonster. La nostra esperienza diretta, per il momento, si limita a Themeforest. I suoi prezzi oscillano tra i 30 ed i 60€ da pagare una sola volta.

Ecco alcuni aspetti da tener presente:

  • Quante volte è stato comprato questo template? Quanti più clienti ha migliore sarà il supporto tecnico per il template in questione. Controlla anche il registro delle modifiche.
  • Leggi le opinioni: Alcuni utenti hanno riscontrato dei problemi e hanno scritto per lamentarsi?
  • Responsive: Non comprare un template che non sia ottimizzato per dispositivi mobili.
  • Se non mastichi l’inglese chiedi se si offre assistenza in italiano.

Come si installa un template?

L’installazione è abbastanza semplice. Carica il file del template dal menù di WordPress, seleziona il template e attivalo (bastano pochi click).

new template

Dopo aver attivato il template, è possibile che il risultato appaia come difettoso, ma è normale, il template ha bisogno di contenuti. Leggi la documentazione del template per sapere come editarlo. E, per favore, non dimenticare la differenza tra una pagina e un post. Le pagine di solito sono statiche, tipo quelle dal titolo “Chi siamo” o “Contatto”. I post in genere sono articoli (per es. di un blog) e spesso includono data e ora.

WordPress e Sicurezza

There are some basic ground rules you need to follow for your WordPress installation to be safe.

  • Choose a secure password! The longer and the more special characters it has, the better. The same goes for your web hosting service password, of course.
  • Change the standard WordPress login name from “admin” to something – basically anything – else. Never create any content from the administrator’s account. Should it be hacked, the attacker will have full control of your website. Create a separate account with limited permissions, and use that to publish content (Tutorial).
  • Create regular backups (if possible, daily). Most webhosts will offer a backup feature (as is the case with BlueHost or WPEngine).
  • Keep your WordPress version, your theme and your plugins up to date. Whenever there is an update, you should install it. Otherwise, your website might be open to attacks. Any unused plugin should be uninstalled completely. And be careful: Before making an update, create a backup in case of any issues. Ideally, you should test updates in a sandbox environment first.

Esistono Plugin indispensabili?

Se vuoi essere trovato su Google ti raccomandiamo di provare Yoast SEO. Questo plugin gratuito ti permette di personalizzare il titolo della pagina e la sua descrizione. Ti permette anche di vedere un’anteprima di come appare la tua pagina tra i risultati della ricerca di Google. Inoltre, il plugin di Yoast offre infinite possibilità e caratteristiche di grande utilità per gli utenti più avanzati.

TinyPNG è un altro plugin interessante e gratuito con cui caricare fino a 500 immagini al mese). Comprime immagini jpg e png (senza perderne la qualità) migliorando la velocità del tuo sito; non bisogna dimenticare che la velocità di carica è diventata un criterio importantissimo per il ranking di Google.

Akismet è un plugin indispensabile per la lotta ai commenti indesiderati e lo spam. In alternativa, puoi usare Disqus per gestire i commenti sul tuo sito, spam compreso.

Plugins per usi specifici: Siti web multilingue ed aree riservate.
WPML per siti internet in varie lingue

Spesso ci viene chiesto come fare per avere un sito internet multilingue. In WebsiteToolTester usiamo WPML.org, che è, più o meno, il plugin standard in questo caso. I prezzi partono da 29$ all’anno e permette aggiungere varie lingue al tuo sito WordPress tanto per l’interfaccia come per il sito.

Wishlist per WP: siti web con area membri.

wishlist

Questo è un eccellente plugin per fare in modo che i tuoi clienti possano accedere al contenuto del pagamento via login. WP Wishlist si usa per distribuire testo, contenuti video o audio all’interno di un’area protetta, esclusiva per i membri registrati.

Puoi organizzare diversi livelli individuali di accesso e stabilire il pagamento dell’abbonamento grazie a questo plugin (per es. con PayPal, Clickbank o Infusionsoft), attraverso il pagamento di una quota unica o di più quote in maniera periodica. Il plugin costa 97$, se si effettua un pagamento unico, e include un anno di assistenza tecnica.

Riassumendo

WordPress è la scelta più adeguata per alcuni progetti. Quando lo si mette a confronto con Weebly e Jimdo, è chiaro che avrai bisogno di più tempo per familiarizzare con questo complesso strumento e, nonostante WordPress in sé sia gratis, pagare per l’hosting, i template e probabilmente per il lavoro di un programmatore, può far gonfiare la fattura più di quanto farebbe un semplice creatore di siti.

Ma se sei già sicuro che il tuo progetto crescerà più di quanto un creatore di siti riesca a gestire, ti raccomandiamo di investire in WordPress fin da subito evitando di dover cambiare più avanti. WordPress è fatto per durare a lungo e resistere a cambiamenti futuri. Le sue possibilità sono pressoché infinite.